Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

Recentemente si è conclusa un’attività particolare che la professoressa Gabriella Simbula ha portato avanti con la classe 2a C già dallo scorso anno scolastico, alla quale quest’anno si sono uniti anche quattro ragazzi della classe 3a D. Avendo conosciuto fortuitamente a Rodi Sami Modiano, ultimo sopravvissuto della deportazione degli ebrei di Rodi ad Auschwitz Birkenau, la prof.ssa Simbula ha portato la sua esperienza ai ragazzi, affrontando con loro il dramma della Shoah. Sono stati letti in classe alcuni passi dal libro di Sami Modiano “Per questo ho vissuto” e tutti quanti hanno approfondito l’argomento leggendo autonomamente il libro “Tana libera tutti” di Walter Veltroni.

Con la classe infine è stato realizzato un breve video che è stato inviato per posta al sig. Modiano. Il tutto si è coronato il 13-05-2021, con la presenza della Dirigente che ha rivolto un caloroso saluto, con un indimenticabile ed emozionante incontro telefonico con lo stesso Sami Modiano. I ragazzi gli hanno rivolto delle domande e con le sue risposte si è instaurata una magica atmosfera di sentita partecipazione emotiva tra lui e i ragazzi stessi. È stato un momento bellissimo per noi tutti e in particolare per i ragazzi.

Questo è uno dei commenti più significativi tra quelli che i ragazzi hanno espresso dopo l’incontro:

“Caro Signor Modiano,

l’esperienza che mi ha donato, non è stata solo istruttiva, ma anche significativa.

È stata un’esperienza che mi ricorderò per sempre, perché è riuscito a penetrare dentro il mio cuore.

Non mi scorderò mai ciò che ha detto riguardo l’Olocausto e specialmente riguardo al valore della famiglia.

Lei è riuscito a farmi aprire gli occhi e farmi capire ciò che hanno provato le povere anime che ora riposano in pace.

Se il suo compito è quello di raccontare ciò che è accaduto, lo sta svolgendo al meglio e spero che un giorno possa raccontare ai miei bambini, con le sue sagge parole, ciò che mi ha detto”